Siamo il frutto del lavoro sapiente e della lungimiranza dei nostri avi.
Siamo l'amore che la nostra famiglia dedica quotidianamente alla cura dei nostri ulivi.
Siamo la terra di Puglia da cui nascono le olive che fanno speciale il nostro Lolio.

Le radici

Tutto nasce più di un secolo fa, nel 1891, a Barletta nella splendida Puglia.

Il nonno Salvatore, esperto agricoltore, non era mai contento dell’olio che portava a casa per la sua famiglia.

Sosteneva che per la grande passione e cura rivolta giornalmente ai suoi preziosi ulivi potesse ottenere un olio migliore, che trattenesse realmente il sapore e gli aromi inconfondibili della sua terra.

Animato da una famiglia forte e intraprendente, decise di aprire un frantoio tutto suo, prende vita così il Frantoio Paparella.

Il Frantoio

Dal 1891, il frantoio è stato tramandato di padre in figlio come una preziosa eredità da difende.

“Il segreto per un olio extra vergine di alta qualità, diceva il nonno Michele, non è dettato solo dall’impianto di estrazione, ma piuttosto dall’amore che unisce innovazione, saper fare e passione.”

Noi siamo riusciti a custodire e far nostre le parole dei nostri avi.

Abbiamo sempre cercato tecnologie mature e innovative che ci donassero un olio extra vergine di oliva estratto a freddo, specchio della bellezza e bontà della nostra terra, la Puglia.

Dall’ulivo a Lolio

Oggi produciamo LOLIO, olio extra vergine di oliva italiano.

Le olive sono esclusivamente quelle del territorio, raccolte a mano direttamente dagli ulivi, attentamente selezionate e macinate entro poche ore dalla raccolta.

Questa cura consente di mantenere inalterate tutte le caratteristiche organolettiche dell’olio, ed evitare l’insorgere di difetti legati all’ossidazione.

L’esperienza del Frantoio Paparella è attestata dai numerosi premi e riconoscimenti, sia nazionali che internazionali, ottenuti con Lolio.

Scopri i nostri premi e riconoscimenti

Sostenibilità ambientale

Siamo da sempre attenti al rispetto della natura.

Il nostro frantoio è, infatti, a basso impatto ambientale e crede fortemente nei potenziali benefici dell’economia circolare.

Utilizziamo come combustibile termico per il funzionamento dell’impianto di trasformazione: il nocciolino, sottoprodotto di scarto della lavorazione delle olive.

Scopri di più sulla Sostenibilità