Olio extravergine d’oliva, medicina naturale

Lolio extravergine d’oliva è una medicina naturale che fa bene alla nostra salute.

Chi vive nel bacino del mediterraneo lo sa da sempre perché lo ha appreso attraverso l’esperienza. Da secoli nella nostra dieta sono presenti elementi che permettono al nostro organismo di prevenire malattie e vivere più a lungo. La famosa dieta mediterranea patrimonio dei popoli che abitano questa terra meravigliosa. Nel 2010 l’UNESCO ha inserito la dieta mediterranea nella lista dei patrimoni orali e immateriali dell’umanità. Una conoscenza fatta di amore e cura della terra, tramandata di padre in figlio e avallata dalla scienza. I risultati delle ricerche ci hanno permesso di comprendere fino in fondo i nostri prodotti e di migliorarne le potenzialità. I frutti della terra si coltivano con l’esperienza e si perfezionano con la conoscenza.

La conferma che l’olio extravergine è una medicina naturale è arrivata anche dalla FDA (Food and Drugs Administration) statunitenseL’agenzia per la salute alimentare degli Stati Uniti ha invitato a indicare sulle confezioni di olio extravergine di oliva, contenenti almeno il 70% di acido oleico, che il loro consumo porta benefici cardiovascolari quando sostituisce il grasso saturo dannoso per il cuore.

L’olio extravergine d’oliva è un alleato prezioso per la lotta al colesterolo. Diverse ricerche scientifiche hanno dimostrato la sua efficacia nel proteggere le nostre arterie. Grazie alla presenza di acidi grassi monoinsaturi e particolari composti fenolici l’extravergine permette una riduzione del colesterolo cattivo (chiamato tecnicamente LDL) responsabile dell’ostruzione delle arterie e della formazione delle placche aterosclerotiche, causa primaria di infarti e ictus.  Non solo, quello buono invece, noto anche con il nome di HDL, non viene minimamente alterato. Dunque la spremuta d’oliva rappresenta, oltre che un gustoso condimento, un’ottima forma di prevenzione del rischio cardiovascolare.

Nel 2016 è stato dimostrato da un gruppo di ricercatori dell’Università Aldo Moro di Bari che la singola assunzione da parte di soggetti sani, al mattino e a digiuno, di 50 millilitri (44 grammi) di olio extravergine di oliva Coratina promuove l’espressione di microRNA ad azione anti-infiammatoria e anti-tumorale.

Per beneficiare dei sui effetti deve trattarsi rigorosamente di extravergine. Così come riporta la Fondazione Veronesi, “un recente studio di intervento ha evidenziato come il consumo di olio extravergine d’oliva, rispetto all’olio di oliva, è in grado di influenzare l’espressione di specifici geni coinvolti nei meccanismi di insorgenza del diabete mellito di tipo 2 e di diverse patologie cardiovascolari o metaboliche”.

Come vi ricorderemo sempre un cucchiaio o due di olio extravergine d’oliva, crudo e lavorato a freddo, al giorno associati ad uno stile di vita equilibrato vi aiuteranno a vivere meglio.

 

 


Potrebbe interessarti anche...

Hai commenti sul post o dubbi sulla preparazione di una ricetta?